Forum

o Registrati per creare messaggi e topic.

Come creare un TG "tematico"

Di nuovo Ciao a tutti,

come ho avuto modo di scrivere su questo Forum in una precedente discussione, ho iniziato l'attivazione di cime sia all'interno del programma internazionale SOTA (Summit On The Air) che il nostro MQC Mountain QRP Club.
All'interno del forum di quest'ultimo è iniziato un dibattito ( https://mountainqrp.forumfree.it/?t=74914993&st=15#entry658512013 ) sul DMR ed in generale sui protocolli digitali.

Come potrete leggere (ovviamente è nominato anche il GRF) si ipotizzava la possibilità di aprire un TG multiprotocollo dedicato all'attività di attivazioni interne al MQC che comprendono oltre alle Cime, anche Parchi, Valichi, Rifugi ad altro ancora.

C'è da considerare che utilizzare il multiprotocollo sarebbe veramente utile per le comunicazioni di chi si trova sul campo, sia per facilitare i QSO (ad esempio utilizzando per inviare Spot) , ma anche in termini di sicurezza.

Fra l'altro potrebbe "stimolare" la riattivazione di ripetitori di certe aree (vedi l'Elba) al momento dormienti per vari motivi, al netto che in ogni caso si potrebbe sempre utilizzare un hotspot come ho già avuto modo di sperimentare proprio all'Elba.

Il Mountain QRP Club conta oltre 500 iscritti ed un buon numero sono attivi.

Quali sono i vostri consigli? E' possibile creare un TG multiprotocollo a questo scopo?

Condividerò questa discussione nel thread di cui sopra all'interno del Forum del MQC.

Grazie come sempre per il vostro prezioso lavoro.

73 de IK5VYZ, Claudio

 

Ciao Claudio,

ti rispondo con un mio personale pensiero e non come gestore di server o altro.

La premessa è che il multiprotocollo "avvicina" e "aiuta" a ritrovarsi, in special modo chi non può permettersi ogni tipologia di apparato digitale o anche chi "sposa" solo l'utilizzo di un certo brand e non vuole sentirsi "tagliato fuori". Inoltre multiprotocollo significa apprendere nuove possibilità e tecnicismi, quindi in una sola parola è molto "radioamatoriale". Ma il rovescio della medaglia è la difficoltà (almeno iniziale) di chi vuole attrezzarsi a gestire un sistema multiprotocollo completo, non solo come investimento in risorse (che non è altissimo) ma soprattutto nel fattore "tempo" affinchè tutto sia supervisionato e assicurata la corretta funzionalità nei vari processi in gioco.

Dubito che possa servire ad attivare/riattivare aree dove magari un ripetitore c'è stato ma che ora è fermo, per la sola presenza di un nuovo TG. In questo caso penso manchi di base l'interesse (e di conseguenza il tempo e le risorse) a gestire in operatività un certo impianto. Forse con l'entusiasmo del momento le corse a mettere un ripetitore si sono viste, ma poi (per il digitale) c'è da far si che arrivi la connettività, che non manchi la corrente, che l'antenna sia periodicamente (e qualitativamente) manutenuta, come anche il resto dell'impianto. Pensa che ci sono casi dove dei ripetitori non vengono riaccesi (e vengono parcheggiati sotto il letto) perchè magari non si trovano due/tre persone che siano interessate a dare una mano, anche solo nel comprare un router 4G di qualità con annessa SIM telefonica...o una antenna che non si spezzi ogni inverno a causa del ghiaccio, etc.

Chiedi un consiglio ? Te lo do volentieri, da utilizzatore dei sistemi. Per gestire un TG multiprotocollo (che come scrivi possa in una prima fase essere di aiuto a livello organizzativo) ti direi di provare almeno inizialmente ad usare quanto già c'è. Ad esempio sul server IPSC2-IT-MLINK ci sono 10 TG DMR tematici liberi e usati quasi ZERO, connessi con il relativo server YCS222/C4FM. Avresti già DMR e C4FM disponibili. A quel punto se ti manca il DSTAR puoi attivare un XLX anche su di un raspberry/mini PC Linux, e, dotandoti di chiavina DV33 USB per la transcodifica DSTAR facilmente possiamo eseguire la connessione con tali sistemi. Oppure, lato BM, usare il proprio identificativo ID-DMR a 7 cifre come TG, e poi richiedere l'interconnessione dello stesso sempre verso un XLX per il DSTAR (e per il C4FM, ricordo che le ultime versioni di XLX gestiscono anche il protocollo YSF).

Molteplici sono le possibilità, ma conviene (per una ottimizzazione delle risorse e per "provare l'interesse") partire con quanto già c'è.... Poi un altro aspetto da valutare è quello della partecipazione (economica e di tempo, anche solo per le prove) delle persone: quindi creare un gruppo operativo dedicato al sistema multiprotocollo per una certa area tematica/di utilizzo. Per esperienza ti dico che tanti son partiti da soli, e poi hanno fatto festa perchè mancava proprio il più, ovvero l'interesse generale al progetto.

Come mi muoverei ? Prima fase: audit generale per sapere chi c'è con quali mezzi, anche ricontattando personalmente alcuni gestori di sistemi/impianti (e ce ne sono davvero tanti...). Seconda fase: attivazione del "TG di servizio" con il proprio ID DMR e pianificando su quali protocolli lavorare. Quando le prime due fasi sono consolidate: richiesta attivazione di un Cluster/TG da utilizzarsi su di un panorama operativo e già formato, oltre alle indicazioni della room C4FM, XLX Dstar, etc.

Per qualsiasi approfondimento io e i miei colleghi del GRF siamo ovviamente disponibili.

73, a presto.

David IK5XMK

 

iu3qez ha reagito a questo messaggio.
iu3qez

David come sempre grazie per la rapida e puntuale risposta.

Oltre alle innegabili competenze tecniche, la tua/vostra esperienza complessiva sulla situazione della rete in Italia è fondamentale, quindi fai bene a chiarire che non si tratta di una applicazione plug&play, ma che sia per progettarla e soprattutto per mantenerla è necessario non cedere dopo i primi entusiasmi e mantenere l'attenzione e l'impegno sul progetto perchè prenda energia e viva nel tempo.

Il tuo consiglio di utilizzare quello che già c'è, a mio parere, è saggio e da perseguire.

Concordo anche con le note operative che suggerisci, e cioè quelle delle due fasi che ben descrivi.

Personalmente mi metto in gioco, e mi sarà utile anche per approfondire la conoscenza su come funziona più in dettaglio una architettura multiprotocollo.

A questo punto non resta che avviare un minimo di confronto all'interno del MQC (dove fra l'altro sono degli ultimi arrivati) per verificare la fattibilità del progetto.

Ancora grazie.

73, Claudio ik5vyz

 

iu3qez ha reagito a questo messaggio.
iu3qez