Il call routing nel mondo D-Star, questo sconosciuto…

Tecniche di chiamata nei sistemi digitali radioamatoriali.

Il call routing è una delle caratteristiche più potenti del D-Star. All’inizio… tutti coloro che si avvicinano a questo sistema di trasmissione hanno attimi di confusione… chi nella programmazione della radio, chi nella programmazione di un nodo… chi nella gestione di un ripetitore; niente paura e soprattutto niente smarrimento.


Per chi, come me, crede a quanto scritto nel “codice internazionale del radioamatore” sa che ci sarà un collega che ti aiuterà a scoprire dove stai sbagliando ed alla fine si riuscirà a superare l’ostacolo. Certo che questi “ostacoli” siano stati superati… addentriamoci in qualcosa di più tecnico. Oggi cercherò di fare luce sull’ instradamento della chiamata, dove due OM parlano utilizzando soltanto i ponti che agganciano, mentre restano liberi tutti gli altri.

Partiamo con un esempio di “vita comune”. Io, IZ4XAI desidero parlare con Roberto IZ5ILH. Il ripetitore che andrò ad impegnare è IR4MO, vado di PTT e chiamo “IZ5ILH da IZ4XAI”. Roberto che è sotto la copertura del ripetitore IR5AY se è disponibile, ascolterà la mia chiamata e risponderà, tutto molto semplice. Questa chiamata che ho fatto come esempio, se l’avessi fatta realmente, in questo preciso instante avrebbe “messo in moto” almeno 46 tra ripetitori ed hotspot.. scrivo almeno poiché, da un controllo veloce, in questo momento sono 46 quelli collegati al’XLX077 e tenuto conto che gli altri XLX sono interconnessi lascio a voi l’idea di quanti siano stati “eccitati” dalla mia chiamata.  L’esempio che ho appena fatto è quello che normalmente faccio quando con IZ5ILH voglio scambiare due chiacchere e sono sicuro che lui è su un ripetitore collegato al mio stesso modulo, ma nell’eventualità io non sia a conoscenza di questo ed ho necessità di parlare con Roberto senza iniziare a cambiare modulo al ripetitore per cercare di trovarlo provo subito a chiamarlo con una chiamata instradata.
Entriamo nel vivo della spiegazione di questa potenzialità del sistema D-Star con due esempi “io chiamo” ed “io rispondo”.

Chiamata in “CALL ROUTING”

Come ben sappiamo all’ atto della configurazione della radio bisogna inserire dei parametri precisi nei campi UR-RPT1-RPT2-MY (il nostro nominativo deve essere registrato sulla rete D-Star altrimenti facciamo poca strada). Una volta configurata la radio e registrato il nominativo possiamo utilizzare il sistema D-Star, ricordiamoci (anche se non è necessario) di dare visibilità al nostro nominativo sulla rete, basta inserire VIS***ON (gli asterischi sono spazi vuoti) nel campo UR e mandare la portante su un ripetitore. Fatto questo piccolo preambolo sulla configurazione della radio andiamo all’ esempio concreto della chiamata instradata. Farò questo esempio con il mio nominativo IZ4XAI mentre sto utilizzando IR4MO e chiamerò Roberto IZ5ILH. Come ben sapete ogni qualvolta viene premuto il PTT la radio trasmette, in forma digitale, i parametri che abbiamo impostato quindi la rete D-Star “SA CHI SEI E DOVE SEI”. Queste informazioni vengono memorizzate e sono disponibili in tutta la rete, le possiamo trovare elencate anche sui siti web, vi consiglio di dare un’occhiata a http://www.ircddb.net/live.htm
Diciamo che io IZ4XAI voglio parlare con IZ5ILH. So che ha con sé una radio D-Star, ma non so precisamente sotto quale ripetitore si trova per via del suo lavoro che lo fa girare in lungo ed in largo per la Toscana o magari perché è in vacanza… anche all’estero.
Imposterò la mia radio nel seguente modo (** = spazio e spazio):
MY: IZ4XAI
RPT1: IR4MO**C
RPT2: IR4MO**G
UR: IZ5ILH

non appena schiaccerò il pulsante PTT, invierò i 4 campi al ripetitore IR4MO, il sistema recepirà il nominativo inserito nel campo UR e farà una ricerca per vedere su quale ripetitore è stato utilizzato il nominativo IZ5ILH, appena trovato nell’elenco instraderà la mia trasmissione tramite la rete D-Star alla porta utilizzata da Roberto, se IZ5ILH risponderà alla mia chiamata la nostra conversazione sarà una conversazione in “CALL ROUTING” per cui solo noi due ci ascolteremo.

Risposta ad una chiamata lanciata con CQCQCQ

Supponiamo adesso che io sono in ascolto su IR4MO e Roberto IZ5ILH mi fa chiamata utilizzando IR5AY lasciando nel campo UR CQCQCQ, dal momento in cui Roberto ha premuto il PTT ed ha agganciato IR5AY ha fornito al sistema D-Star la strada per essere raggiunto per cui io posso scegliere se rispondergli lasciando invariato il mio campo UR con CQCQCQ oppure rispondergli con una “CALL ROUTING”, per fare questo, prenderò come esempio la mia radio portatile che è un th74, una volta ascoltata la chiamata in fonia dal “Menù Funzioni Digitali” andrò su “Destination Select” poi su “Call History” selezionerò il nominativo di IZ5ILH e schiaccerò “ENT” da questo momento automaticamente ho inserito il nominativo di Roberto nel CAMPO UR e la chiamata dopo la mia traasmissione verrà instradata solo a IZ5ILH. Per far si che questa funzione sia realmente utilizzabile da tutti è necessario che i SysOp abbiano configurato i ripetitori ed abbiano aperto e settato nel modo corretto la porta che gestisce questa funzione (40000 UDP). Vi invito a leggere il manuale di istruzione della vostra radio per avere maggiori dettagli sulla configurazione.

Buone prove, Francesco IZ4XAI (Gruppo Radio Firenze)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...